Appello il collegio della corte Suprema della federazione RUSSA ha riconosciuto legittima la decisione sul divieto di «Testimoni di Geova»

Appello il collegio della corte Suprema della Russia, il 17 luglio, ha respinto il ricorso di un’organizzazione religiosa «Testimoni di Geova» sulla precedente decisione di questa corte di riconoscere la sua estremista. Pertanto, la decisione della corte di liquidazione dell’azienda e il divieto delle sue attività in Russia è entrato in vigore, riferisce «Interfax».

Ora «Testimoni di Geova» possono rivolgersi alla corte Europea per i diritti umani, ma la Russia non si ritiene obbligata a eseguire le sue decisioni, le note di «Radio Libertà».

Il 20 aprile il divieto è stato adottato in merito al ricorso del ministero della giustizia della federazione RUSSA. L’accusa rivolta alla diffusione di rappresentanti regionali «Testimoni di Geova» estremista letteratura e propaganda divieto di trasfusione di sangue.

La corte suprema ha deciso di eliminare il centro amministrativo «dei Testimoni di Geova in Russia» e 395 organizzazioni locali. L’organizzazione si confiscati a favore dello stato.

Sul sito di «Testimoni di Geova» nel mese di settembre 2016 è stato riferito che estremista letteratura hanno gettato le forze di sicurezza russe. Come prova sono state pubblicate le telecamere a circuito chiuso.

Secondo il russo rappresentanza vietata l’organizzazione, la religione «Testimoni di Geova» attivamente professano nel paese 175 mila persone.




Appello il collegio della corte Suprema della federazione RUSSA ha riconosciuto legittima la decisione sul divieto di «Testimoni di Geova» 18.07.2017

0
Июль 18th, 2017 by