Aslund: In 11 dei 24 ucraine compagnie elettriche gran possiede una quota di russia nazionalista Babakov

Nel sistema di alimentazione dell’Ucraina, si celano un potenziale problema per la sicurezza nazionale del paese. Lo afferma in un articolo ricercatore senior Atlantic Council Anders Aslund, che il 28 marzo ha pubblicato sul sito del centro di analisi.

Secondo l’economista, in 11 dei 24 ucraine compagnie elettriche gran possiede una quota di il gruppo finanziario russo nazionalista Alessandro Babakov.

Aslund ha ricordato che Babakov ha ricoperto la carica di vice-presidente della Duma di stato della federazione RUSSA durante l’annessione della Crimea, è sotto sanzioni dei paesi occidentali, e appare nell’inchiesta dei giornalisti sull’off-shore schemi di Panama papers.

L’analista ha consigliato al governo ucraino di ritirare asset russi per la sicurezza nazionale.

«Tutti si preoccupano gli attacchi russi ucraino la rete, e allo stesso tempo gran parte possiede il nemico», – ha sottolineato Aslund.

L’esperto ha anche ricordato che un altro grande proprietario sul mercato energetico ucraino – imprenditore Costantino Grigorishin – in precedenza era cittadinanza, ma nel 2016 ricevuto il passaporto Ucraino.

Nel mese di marzo del 2017 parlamentare dal «fronte Popolare» Andrea Левус dichiarato che il presidente Poroshenko deve applicare le sanzioni contro la società «SUN International Energy Ucraina», che fa parte uomini d’affari russi Ha Гинеру, Michele Воеводину e Babakov, altrimenti «inizierà il processo popolare nazionalizzazione».




Aslund: In 11 dei 24 ucraine compagnie elettriche gran possiede una quota di russia nazionalista Babakov 30.03.2018

0
Март 30th, 2018 by