Berehove visitato i diplomatici dell’UE – hanno analizzato la situazione dei diritti delle minoranze

17 diplomatici dei paesi dell’unione Europea hanno visitato la Costa in Francia, per valutare la situazione dei diritti delle minoranze nazionali. Segnalato da ufficio stampa Береговской amministrazione.

Così, in una città che è il luogo più densamente popolate ungheresi in Ucraina, i profitti 17 rappresentanti delle ambasciate di Austria, Belgio, repubblica Ceca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Lettonia, Lussemburgo, Portogallo, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia e i rappresentanti dell’UE in Ucraina.

Secondo la pubblicazione Mukachevo.net durante un incontro con la città e il quartiere si trattava di una situazione educativa legge e il rispetto dei diritti delle minoranze nazionali nella regione.

I diplomatici hanno visitato la scuola secondaria n. 4 del nome di Lajos Kossuth, dove la formazione si svolge in lingua ungherese, e toccato la questione educativa della legge. I rappresentanti della scuola hanno detto che gli studenti delle ungherese comunità sarà difficile passare direttamente alla formazione in ucraino. Secondo gli insegnanti della scuola, è necessario lasciare l’insegnamento di tutti gli oggetti in ungherese, ma migliorare lo studio della lingua ufficiale.

I rappresentanti delle autorità locali ha detto che in Francia non è mai stato odio etnico, ma ora la tensione nella regione pompano i provocatori.

«A sua volta, i rappresentanti dell’UE hanno sottolineato che per loro osservazioni, le minoranze nazionali in Ucraina hanno abbastanza ampi diritti e ben protetti dalla legislazione Ucraina. Dopo tutto, anche non in tutti i paesi UE minoranze nazionali hanno un supporto a livello legislativo. Anche se, naturalmente, è necessario ascoltare a tutte le parti interessate», si legge nel messaggio WGA.

Dopo Transcarpazia diplomatici europei sono andati a Chernivtsi.

5 settembre Verkhovna Rada dell’Ucraina ha adottato in seconda lettura e, in generale, la legge «Sull’istruzione». Il 28 settembre è entrato in vigore.

Il documento introduce i 12 anni di istruzione scolastica e ruolo educativo del difensore civico, ma anche di estendere l’uso della lingua ucraina in formazione.

La preoccupazione per la lingua dell’articolo di legge hanno espresso Ungheria, Moldova, Polonia, Russia, Bulgaria e Grecia.

Il 26 settembre presso il ministero degli esteri Ungherese ha avvertito che saranno bloccare qualsiasi ulteriore avvicinamento dell’Ucraina e l’UE a causa della legge «Sull’istruzione».

9 ottobre Сийярто ha detto a Uzhgorod, che la legge ucraina «Sull’istruzione» viola i principi dell’Accordo di associazione tra l’Ucraina e l’unione Europea. Secondo lui, la legge esclude la possibilità di funzionamento delle scuole ungheresi in Ucraina e toglie il diritto di imparare la lingua per gli studenti delle scuole medie e superiori.

Il presidente dell’Ucraina Poroshenko ha osservato che la riforma dell’istruzione in Ucraina è stato progettato per aiutare le minoranze nazionali.

Il 12 ottobre l’assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha adottato una risoluzione in cui ha espresso la sua preoccupazione ucraino iniziativa. Nel documento si sottolinea che la nuova legge comporta una significativa riduzione dei diritti delle minoranze nazionali. La delegazione ucraina, ad eccezione di Mustafa Dzhemilev, ha votato contro.

La legge «Sull’istruzione» inviato per l’esame in commissione di Venezia. Le conclusioni sono previste nel mese di dicembre.




Berehove visitato i diplomatici dell’UE – hanno analizzato la situazione dei diritti delle minoranze 30.11.2017

0
Ноябрь 30th, 2017 by