Bielorussia al vertice del partenariato Orientale a Bruxelles presenterà il capo degli esteri, e non Lukashenko

Una delegazione della Bielorussia al vertice del partenariato Orientale a Bruxelles dirigerà il ministro degli esteri Vladimir Mackay, ha detto il vice capo del dipartimento informazioni bielorusso diplomazia Andrea Шупляк agenzia «Appreso».

«La parte bielorussa è interessata a risolvere tutti i омрачающих i nostri rapporti con l’UE restrizioni in materia di possibilità di interazione con la Bielorussia. All’ordine del giorno bielorusso-le relazioni europee deve apparire negoziati, leader alla conclusione di un accordo quadro di partenariato e di cooperazione. Bielorussia interessato a continuare la partecipazione al «partenariato Orientale» dell’UE, che deve essere ovviamente utile per i cittadini della Bielorussia e dell’UE, rendendo più facile per le condizioni di business, i contatti tra le persone, la comunicazione in diversi settori, aumentando il livello oggettivi di conoscenza l’uno dell’altro», – ha sottolineato Шупляк.

Egli ha sottolineato che il «partenariato Orientale» è un formato di cooperazione, in cui i paesi partner «cercano di riconoscimento prospettiva europea».

«La bielorussia non si pone tale obiettivo, tuttavia, agisce per la conservazione e lo sviluppo del partenariato Orientale dell’unione EUROPEA come strumento di sviluppo неполитизированного interazione, direzionale, non contro qualcuno, ma per risolvere i problemi comuni e le problematiche che affliggono i popoli e gli stati della nostra regione», – ha detto Шупляк.

Edizione EUobserver ha scritto nel mese di ottobre, che il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha invitato a Bruxelles per il vertice del «partenariato Orientale».

Osservato che se il leader bielorusso ha accettato, sarebbe stato il primo della sua visita al quartier generale dell’unione Europea.

Il «partenariato orientale» – il progetto dell’unione Europea, con il principale obiettivo dichiarato di sviluppo di integrazione di relazioni dell’UE con i sei paesi dell’ex unione SOVIETICA: l’Ucraina, la Moldova, la Georgia, l’Azerbaigian, l’Armenia e Bielorussia.

Il vertice del partenariato Orientale che si terrà a Bruxelles il 24 novembre. Il parlamento europeo il 15 novembre ha sostenuto l’approfondimento dell’integrazione europea dell’Ucraina, Georgia e Moldavia in formato «partenariato Orientale plus».

Fino a febbraio 2016 Lukashenko e una serie di funzionari bielorussi erano sotto le sanzioni dell’UE per le violazioni dei diritti umani.




Bielorussia al vertice del partenariato Orientale a Bruxelles presenterà il capo degli esteri, e non Lukashenko 21.11.2017

0
Ноябрь 21st, 2017 by