Il giudice ha arrestato quattro impianti acquisiti da la Russia

Corte distrettuale marittima di Odessa ha imposto l’arresto di quattro auto-elevando impianti (jack-up) PAO «Chornomornaftogaz», catturato la Russia a seguito dell’annessione di Crimea ucraina.

Tale decisione, la corte ha emesso il 27 gennaio del 2017, passa a lunedì 6 febbraio, «Interfax-Ucraina».

L’arresto effettuato, su richiesta di controllo Principale della polizia Nazionale in Crimea e Sebastopoli nell’ambito di open 14 dicembre 2015 procedimento penale per fatto illecito di viaggio e di presa di possesso di una delle jack-up.

«Con l’obiettivo di prevenire la possibilità di nascondere, danni, deterioramento, distruzione, trasformazione, alienazione di cui sopra di proprietà pubblica investigatore petizione di soddisfare e di sequestrare galleggianti, impianti di perforazione In-319 – «l’Ucraina»,-312 – «Pietro Годованец», «Siwash», «Tauris». Dopo aver esaminato la petizione, dopo aver studiato i materiali che comprovano le sue argomentazioni, dopo aver sentito il parere del ricercatore, la corte ritiene la mozione è subordinato al rispetto», si legge in una definizione.

Come annunciato, il 1 ° febbraio 2017 un aereo da trasporto della MARINA APU An-26 e ‘ stato colpito da armi di piccolo calibro nel cuore di Odessa, il giacimento di gas precedentemente catturati dalla Federazione Russa piattaforme petrolifere. Dopo il ritorno di un aereo sul campo di volo durante l’ispezione esterna è stato rivelato a 3 cm foro di proiettile — le conseguenze di un bombardamento aereo delle armi di piccolo calibro.

«Naftogaz Ucraina», ha dichiarato l’intenzione di cercare attraverso i tribunali internazionali istituti di riprendere il controllo su asset, persi a causa di occupazione russa della Crimea, e il risarcimento di tutti i danni subiti.

Nel mese di febbraio 2016 «Naftogaz Ucraina» ha avviato il processo di negoziazione relativamente perdita dei loro beni in Crimea, puntando della federazione RUSSA avviso di investimento di controversia nell’ambito di un accordo bilaterale di protezione reciproca degli investimenti tra i due paesi.

Il termine di sei mesi di trattative inconcludenti si è conclusa nel mese di agosto 2016, portando NAC e i suoi sei società controllate («Черноморнафтогаза», «Ukrtransgaz», «Укргазвыдобування», «Ukrtransnafta», «Gas di Ucraina» e «Ликво») il 17 ottobre del 2016 ha avviato la procedura di arbitrato contro la federazione RUSSA, con l’obbligo di risarcire i danni causati sequestro illegale delle attività del gruppo in Crimea.

«Naftogaz Ucraina» nell’ambito di un contenzioso per la perdita della crimea attività ha attirato l’azienda Covington & Slappolatura LLP (New York, stati UNITI) a tutela dei propri interessi.

Si noti, in precedenza è stato riferito, che nel mese di gennaio 2016 il tribunale di Kiev ha imposto l’arresto di auto-elevando galleggianti impianti «Pietro Годованец» e «Ucraina» (le cosiddette «torri Elegantemente»), che appartengono экспроприированной la Russia della società olio «chornomornaftogaz».




Il giudice ha arrestato quattro impianti acquisiti da la Russia 06.02.2017

0
Февраль 6th, 2017 by