Il governo dei paesi bassi ha rassegnato le dimissioni, confessando di aver mentito sul suo incontro con Putin

Il ministro degli affari esteri dei paesi bassi Халбе Зейлстра dimesso dopo aver ammesso di aver mentito sull’incontro con il presidente russo Vladimir Putin nel 2006. Su questo riferisce l’emittente pubblica olandese NOS.

L’annuncio delle dimissioni il ministro degli esteri ha fatto il 13 febbraio, alla vigilia del dibattito in parlamento dei paesi bassi.

Ha definito le parole di Putin «il più grande errore nella vita politica» e ha suggerito che se fossi rimasto in carica, le sue dichiarazioni, nessuno avrebbe mai creduto.

Зейлстра ha affermato che essendo un dipendente di una società della Shell, sentito il presidente russo durante un incontro d’affari nel 2006 ha sostenuto la necessità di creare una «grande Russia» con l’adesione dell’Ucraina, Bielorussia, paesi Baltici e, forse, Kazakistan.

In un’intervista Volkskrant 12 febbraio Зейлстра ha ammesso che non ha partecipato alla riunione, e sulle parole di Putin appreso dai colleghi. Più tardi si è scoperto che le informazioni, futuro ministro ha consegnato uno dei gestori Shell Jeroen van der Feher, con Зейлстра erroneamente interpretato la dichiarazione del presidente della federazione RUSSA.




Il governo dei paesi bassi ha rassegnato le dimissioni, confessando di aver mentito sul suo incontro con Putin 14.02.2018

0
Февраль 14th, 2018 by