Il ministero degli esteri della Polonia, ha dichiarato che sono pronti a dare risposta alle richieste della Commissione europea per la riforma giudiziaria

Il ministero degli esteri Polacco ha preso atto della decisione dell’unione Europea di avviare la procedura per l’introduzione di sanzioni in relazione con la riforma giudiziaria e pronto a fornire alla Commissione europea la risposta al suo reclamo. Comunicato sul sito ufficiale del ministero degli esteri della Polonia.

«Ci rendiamo conto che il ruolo dei presidenti dei tribunali del sistema giudiziario della Polonia indossa prevalentemente di carattere amministrativo, mentre le altre azioni che prendono, non pregiudicano la posizione giuridica delle parti», — ha sottolineato il ministero degli esteri polacco.

Con questo dipartimento ha sottolineato che la politica sociale e l’organizzazione della magistratura si riferiscono alla competenza degli stati membri dell’unione Europea.

Il 22 luglio il Senato della Polonia ha adottato senza modifiche il disegno di legge di riforma della corte Suprema, avviato dal partito di governo «Diritto e giustizia», dopo di che il paese ha iniziato le proteste di massa.

Tre ex presidente della Polonia, Lech Walesa, Aleksander Kwasniewski e Bronislaw Komorowski – in una lettera aperta ha dichiarato che l’iniziativa del partito «Diritto e giustizia» può portare alla dittatura.

Il vice-presidente della commissione Europea, Frans Timmermans, ha dichiarato che la Commissione europea può privare la Polonia diritto di voto per sbilanciata riforma del sistema giudiziario. Secondo lui, le fatture rappresentano una minaccia al principio dello stato di diritto.

Il 24 luglio il presidente Polacco Andrzej Duda ha annunciato che avrebbe posto il veto su leggi che sono state criticate dalla commissione europea e ha portato a proteste di massa nel paese.

Tuttavia, il 25 luglio, ha firmato uno dei tre leggi adottate dal parlamento della Polonia nell’ambito della riforma giudiziaria. La commissione europea ha avviato una procedura penale Polonia per violazione della normativa UE a causa della riforma giudiziaria.




Il ministero degli esteri della Polonia, ha dichiarato che sono pronti a dare risposta alle richieste della Commissione europea per la riforma giudiziaria 30.07.2017

0
Июль 30th, 2017 by