Il Pentagono ha riferito che «lo stato Islamico» non è ancora completamente distrutta in Siria

In Siria sono rimasti circa 3 mila militanti di «stato Islamico», che sono di stanza principalmente lungo il fiume Eufrate, a sud della città di Deir-el-Zur. Per questo il 6 dicembre, ha detto il portavoce ufficiale del ministero della difesa degli stati UNITI Eric Пэхон, ha riferito il New York Times.

Secondo lui, circa 2 mila militari americani rimangono nel paese, fornendo supporto nella lotta al terrorismo.

In un commento il fatto quotidiano Пэхон ha assicurato che l’ISIS «non è stato completamente distrutto o cancellato in Siria». L’altoparlante del Pentagono ha sottolineato che «la battaglia è tutt’altro che finita».

Il 6 dicembre il presidente Russo Vladimir Putin, citando informazioni il ministro della difesa della federazione RUSSA, Sergei Shoigu, ha dichiarato la completa sconfitta dell’ISIS in Siria. Egli ha sottolineato che si è conclusa operazione anti-terrorismo sulla sponda occidentale e orientale dell’Eufrate.

Il conflitto militare in Siria è in corso dal 2011. In combattimento partecipano le forze di governo, l’opposizione, gli islamisti radicali, i curdi e militanti di «stato Islamico».

Nel mese di settembre 2014 l’operazione contro l’ISIS l’inizio della coalizione guidata dagli stati UNITI.

Nel mese di settembre 2015 al conflitto Russia unita. Nel mese di marzo 2016 Putin ha ordinato di iniziare il ritiro delle principali forze russe dal paese, tuttavia aeronautica raggruppamento della federazione RUSSA continua a colpire le posizioni delle forze che si oppongono al presidente della Siria Bashar al-Assad.




Il Pentagono ha riferito che «lo stato Islamico» non è ancora completamente distrutta in Siria 07.12.2017

0
Декабрь 7th, 2017 by