Il presidente della CEC ha spiegato che è necessario per le elezioni in alcune zone del Donbass

CEC spera che in un prossimo futuro verranno creati i presupposti necessari per l’assegnazione delle elezioni locali in singole zone di Donetsk e Lugano aree.

Come ha riferito martedì 6 ottobre il servizio stampa della CEC, nel corso di un incontro con l’Ambasciatore straordinario e Plenipotenziario della Repubblica di Lettonia in Ucraina Аргитой Даудзе ha detto il presidente della CEC Michael Охендовский, trasmette UNIAN.

Durante l’incontro il presidente della commissione, ha raccontato all’ambasciatore sulle modalità di finanziamento delle elezioni locali, le caratteristiche di condurre una campagna elettorale i candidati e le organizzazioni locali dei partiti, in ordine di voto nei seggi elettorali.

Si è parlato anche sui possibili meccanismi di voto di sfollati sulle elezioni locali nelle singole zone di Donetsk e Lugano aree, dopo la loro destinazione del Verkhovna Rada dell’Ucraina.

«La commissione elettorale centrale spera che in un prossimo futuro verranno creati i presupposti necessari per l’assegnazione delle elezioni locali in singole zone di Donetsk e Lugano aree del Verkhovna Rada dell’Ucraina. Per questo deve essere accettata corrispondente a una legge speciale. Inoltre, ha bisogno di ripristinare l’integrità del registro di Stato elettori e elettorale, con infrastrutture in questi settori in generale. In particolare, si tratta di individuare opportunità di lavoro delle commissioni elettorali e la votazione in sale per il voto dei seggi elettorali, che esistono in modo permanente dal 2012, la raffinatezza dei loro confini, l’accertamento della necessità di formazione di nuove. Inoltre, è necessario eseguire l’inventario dei locali, delle attrezzature necessarie per il funzionamento delle commissioni e degli organi del registro dello Stato elettori, inventario a urne. Il recupero istantaneo specificato infrastrutture impossibile, per questo è necessario un certo tempo», ha sottolineato.

Un altro tema importante, che richiede la soluzione di prima assegnazione delle elezioni locali in singole zone di Donetsk e Lugano aree, secondo il capo della CEC, è di garantire la sicurezza degli elettori, dei membri di commissioni, di candidati, di osservatori ufficiali. Охендовский ha anche sottolineato che avranno bisogno di un’adeguata protezione piccole commissioni elettorali, gli organi del registro dello Stato elettori, spazi per la votazione. Inoltre, secondo lui, è necessario risolvere il problema della sicurezza del trasporto elettorale documentazione.

«Non c’è dubbio che le elezioni locali nelle singole zone di Donetsk e Lugano aree può avvenire solo con la legislazione ucraina, con l’osservanza riconosciuti internazionali elettorali standard. Per questo è necessario garantire, in particolare la libertà di attività dei partiti politici, i media, la libertà di condurre una campagna di agitazione, di pari opportunità per ogni candidato. Solo rispettando queste condizioni i risultati delle elezioni nelle singole zone di Donetsk e Lugano aree potranno essere riconosciuti in Ucraina e nel mondo», ha sottolineato il Охендовский.

Prima di oggi, il leader della fazione БПП Yuri Lutsenko, parlando della legge sulle elezioni locali nei territori occupati, che deve essere approvata dal parlamento, ha detto che la legge, in cui si terranno le elezioni nei territori occupati, deve essere visualizzato prima della fine dell’anno. Ha ricordato che durante la convention a Parigi il venerdì presidenti hanno documentato che le elezioni locali nei territori occupati devono passare per la legislazione ucraina dopo la legge speciale e devono essere effettuate non meno di 90 giorni dopo la sua entrata in vigore.

Il presidente della CEC ha spiegato che è necessario per le elezioni in alcune zone del Donbass 07.10.2015

0
Октябрь 7th, 2015 by