Il presidente dell’Austria di sanzioni contro la federazione RUSSA: anche Noi soffriamo, ma era necessario

Le sanzioni dell’unione Europea contro la Russia sono stati necessari. Questo in una conferenza stampa congiunta con il presidente dell’Ucraina Pietro Poroshenko ha detto oggi a Vienna il presidente Austriaco Alexander Van der Беллен. L’ha condotto il canale «112 Ucraina».

«Questa è una misura necessaria, sullo sfondo di una situazione che si è creata in Ucraina orientale e in particolare in Crimea. Per quanto riguarda lo sviluppo economico, Austria soffre anche nell’ambito di queste sanzioni, ma era necessario», – ha detto il presidente austriaco.

Egli ha sottolineato che l’Austria non è stato avviato l’introduzione di sanzioni.

«Anche noi non diamo l’iniziativa sulla loro abolizione», ha sottolineato Van der Беллен.

La russia, dopo illegale il referendum del 16 marzo 2014 annessa la Crimea e Sebastopoli. L’annessione della penisola alla federazione RUSSA non è riconosciuto l’Ucraina e la maggior parte dei paesi del mondo. Nel mese di aprile dello stesso anno, nella parte orientale dell’Ucraina è iniziato il conflitto. Combattimenti sono in corso tra le forze Armate dell’Ucraina e filo-russo militanti, che controllano parte delle regioni di Donetsk e Lugano aree.

L’unione europea ha imposto contro la Russia settoriali sanzioni, che prevedono, in particolare, il divieto di forniture di armi e di beni a duplice uso, che possono essere utilizzati per scopi militari o per le esigenze dell’esercito russo. Nel mese di dicembre 2017 data di scadenza delle misure restrittive è stato prorogato fino al 31 luglio 2018.




Il presidente dell’Austria di sanzioni contro la federazione RUSSA: anche Noi soffriamo, ma era necessario 08.02.2018

0
Февраль 8th, 2018 by