Kadyrov, nuovi avversari: religioso per самоистязателей guidato da Mohammed Касназани

Dipendente dal fantoccio di Mosca Ramzan Kadyrov cecena муфтияте ritengono che le azioni di una figura religiosa Aslambek Зубайраева e i suoi seguaci contrasto con le norme dell’islam. A loro volta queste persone praticano attivamente auto-tortura e si chiamano i sostenitori della corrente di sheikh Mohammed al-Касназани, rapporti «nodo Caucasico».

«Касназани — abbastanza noto in Medio Oriente personalità. Prima ha vissuto a Baghdad, e dopo l’inizio della guerra in Iraq si è trasferito in Giordania. Tra i suoi seguaci ci sono sciiti e sunniti. I suoi adepti passano diversi riti, che non hanno alcun rapporto con l’islam, come intasamento in testa di pugnali, o протыкание delle guance e del collo oggetti appuntiti», — ha detto il rappresentante dell’amministrazione Spirituale dei musulmani della Cecenia.

Secondo lui, questi riti queste persone chiamano «караматом», cioè miracolosa fenomeno.

«I seguaci di questa setta di recente sono arrivati e noi, e il suo capo, che vive a Mosca Зубайраев, tra l’altro, con il suo dottorato di scienze economiche, anche annunciato il «califfo», — ha detto il rappresentante di supervisione dei.

Egli ha sottolineato che a suo tempo in Cecenia ha ritenuto simile «califfo» — un residente del villaggio Автуры Шалинского zona Adam Дениев.

«Зубайраев e il suo gruppo è di seguaci infame abbiamo «khalifa di Adamo», che dopo la prima guerra cecena e ‘ arrivato nella repubblica e seminato confusione. Anche lui aveva intenzione di fare miracoli, e una volta ha promesso di resuscitare un giovane uomo tra i loro parenti, per dimostrare la sua elezione. Resurrezione, naturalmente, non ha avuto luogo, il «califfo» semplicemente spiegato che «il defunto ha rifiutato di tornare in un mondo di peccato». Ora i seguaci di questo «taumaturgo» ancora non ci sono arrivati», ha detto un portavoce di supervisione dei.

Secondo lui, lo svolgimento di riti di auto-tortura inaccettabile dal punto di vista della religione musulmana.

«L’islam vieta all’uomo di infliggere danno a sé stesso. Questo vale per i vari riti di auto-tortura, che ci sono gli sciiti. In particolare questo vale per la marcia di coltelli in testa e le altre «meraviglie». Queste cose semplicemente inaccettabile», ha sottolineato il portavoce supervisione dei.

Alla fine di gennaio, sul Web è apparso un video di come un gruppo di uomini in uno dei paesi del Medio Oriente, perseguendo una sorta di rito. Cinque uomini, seduto accovacciato circondato da circa una dozzina di persone nella stanza, prima ciotola di metallo, e poi con una sbarra di intasare tutto superficiale in testa coltelli. Quando sui volti di coloro che trascorrono questo rito, non si vede il dolore, non hanno sangue. Al termine della cerimonia tutti e cinque con sporgenti nella mente di coltelli.

Nel video, diffuso in rete, si sono trovati e i ceceni, che ha causato una protesta pubblica in Cecenia.

Uno di quelli che è stato catturato in video con un coltello in testa, è stato di mosca ceceno Зубайраев. Con lui il 2 febbraio si sono incontrati Kadyrov, il mufti della Cecenia Grassi Межиев e altri rappresentanti del clero. Reportage di questo incontro è stato trasmesso sul canale televisivo «il Terribile».

Nel corso della riunione, indicata per ceceno televisione, Kadyrov e ceceni teologi hanno detto Зубайраеву, che, come si è visto, ha annunciato un «califfo», che le sue azioni non corrispondono islam.

«Tu da lì è venuto conficca in testa un coltello per, come dici tu, portare beneficio islam e il popolo ceceno. Tagliare un braccio, e se hai tenuto il califfo, fai in modo che non scorra sangue», proposto Зубайраеву Kadyrov.

Зубайраев in risposta a questa offerta non disse nulla. Ceceni teologi la condannato Зубайраева, Kadyrov ha detto che lui non lascerà ingannare gli abitanti della Cecenia e ha vietato praticare attività religiose in Cecenia.

A sua volta Зубайраев, nonostante verbali affondi nel suo discorso, tenuto in un incontro abbastanza fiducioso e ha cercato di esprimere il loro punto di vista. In particolare, in risposta alle accuse che egli non è un profondo conoscitore dell’islam e la sharia, non conosce la lingua araba, ha dichiarato che non sapeva né venerato nella repubblica di Kunta-haji Кишиев, né il profeta Muhammad, ma comunque a entrambi è stato fatto scendere su di una rivelazione divina. Anche lui ha confermato che è il rappresentante dello sceicco Касназани.

Alla fine della conversazione Kadyrov ha dichiarato quanto segue: «Insegna la sua famiglia. Impara religione… dai questo e il suo мюридам, il suo califfato questo. Nel mio califfato, in questa repubblica sono califfo. Io non ammetto… non le permetto di questo qui fare, perché non si ha conoscenza. Arriverà Касназани, gli daremo di parlare, di condurre conversazioni, lascialo parlare, mettiamo in televisione, perché sa che la religione».

Allo stesso tempo, Egli si riferisce ai sostenitori del culto locale musulmano ceceno di san Кишиева. I suoi seguaci sperano che durante la fine del mondo, insieme con il profeta Isa (Gesù Cristo) e l’imam Mahdi apparire sulla terra, per poterci Даджала (Satana), e stabilire sulla terra la pace e la tranquillità. Kunta-haji vivo, dice il suo мюриды, e continua a compiere buone opere, evidenziando che non è morto in esilio, e scomparve per un ora di tornare indietro. Кишиев è stato il fondatore зикризма e dell’ordine sufi sul territorio della Cecenia e Inguscezia.

Ricordiamo, 15 gennaio 2017 filo-russo, agenti di sicurezza eliminato in Cecenia organizzatore non riuscita ribellione contro Kadyrov, il suo personale di guardia Алихана Музаева.

Poco prima è diventato noto tentativo di attentato contro il Kadyrov da parte dei suoi nemici mortali — clan Ямадаевых.




Kadyrov, nuovi avversari: religioso per самоистязателей guidato da Mohammed Касназани 13.02.2017

0
Февраль 13th, 2017 by