Klimkin, ha detto il ministero degli esteri di Austria di procedura rimozione delle sanzioni con la Russia

Il ministro degli esteri Pavlo Klimkin non vede il senso di procedura rimozione delle sanzioni con la Russia, proposta dal ministro degli esteri Austriaco, che attualmente presiede l’OSCE, Sebastian Kurtz.

Lo ha dichiarato in un’intervista austriaco con la rivista «Profilo», riferisce il servizio stampa del ministero degli esteri.

Alla domanda se ha senso una tale proposta, il ministro ha detto: «Io non vedo il punto. La russia insiste sul fatto che lei non è nessuna delle parti del conflitto, non mostra alcun rimorso o la volontà di risolvere quello che ha fatto. Cioè vogliamo addolcire la Russia quello che lei non vuole nemmeno ascoltare. Facciamo un passo verso chi continua a insistere sul suo diritto di ridisegnare i confini dell’Europa e a sua discrezione, per attaccare i loro vicini di casa. Come se noi vogliamo stimolare un criminale, per quella che quest’anno ha ucciso meno che in passato. Non è una logica perversa?»

Secondo il ministro, una corretta logica sarebbe che un criminale di tornare ai principi fondamentali del diritto internazionale e risolvere i loro crimini. Solo allora si potrebbe ragionare di mitigare la pena.

Klimkin anche espresso l’opinione che le sanzioni dell’unione EUROPEA sono uno dei due motivi per cui la Russia «non è molto più vicino подступилась ai confini dell’unione Europea».

«Il primo motivo è la volontà dell’Ucraina di difendersi. La seconda è la sensazione che qualsiasi violazione del diritto internazionale avrà conseguenze finanziarie», ha detto.

Come riportato, nel mese di gennaio Kurz ha chiamato tra i piani di Vienna guidato OSCE lobbying allentamento delle sanzioni contro la Russia «passo dopo passo» in cambio di «sviluppo positivo».




Klimkin, ha detto il ministero degli esteri di Austria di procedura rimozione delle sanzioni con la Russia 05.02.2017

0
Февраль 5th, 2017 by