Кулеба: la Nostra delegazione può accettare il ritorno dei russi in PACE, ma di trasformare il loro soggiorno in un inferno sulla terra

La delegazione ucraina in PACE sta valutando l’opzione di uscita dall’organizzazione, se ci tornerà la delegazione russa, ha detto in un commento pubblicazione di «GORDON» rappresentante permanente dell’Ucraina il Consiglio d’Europa Dmitry Кулеба.

«Gli avvocati della Russia lavorando per il ritorno di sua delegazione PARLAMENTARE. Per quanto mi riguarda, la delegazione ucraina può lasciare PACE in caso di ritorno al di là della federazione RUSSA. Questa è una delle opzioni. Anche la nostra delegazione può accettare il ritorno dei russi in PACE, ma di trasformare il loro soggiorno in un inferno sulla terra. Sia come sia, la decisione spetta esclusivamente parlamentari. Il governo ha effetto su di lui non ha. Anche se il ministero degli esteri dell’Ucraina ritiene che il ritorno della federazione RUSSA in PACE, mediante la pressione su tutti gli altri membri dell’organizzazione ci dà tutto il diritto di rispondere per tutte le destinazioni del Consiglio d’Europa. Cioè, l’Ucraina si terrà un’analisi completa delle relazioni con il Consiglio d’Europa e apporta le modifiche necessarie», ha sottolineato Кулеба.

Secondo lui, l’appello del segretario generale del Consiglio d’Europa Thorbjørn Jagland salvare la Russia nell’ambito dell’organizzazione non è stata una sorpresa.

«Abbiamo costruito un rapporto con il Consiglio d’Europa come con l’autorevole organizzazione internazionale per i diritti umani. Ma in caso di ritorno della Russia ha trasformare in скомпрометировавшую stessa istituzione, предавшую propri principi e valori. Di conseguenza avremo il diritto di cambiare il suo atteggiamento verso di lei. La posizione del segretario generale per qualcuno non è una sorpresa, solo che la prima volta è stato espresso pubblicamente a questo livello. Quindi abbiamo più volte discusso di questo problema. Non tutti i membri del Consiglio d’Europa supportano l’approccio che ha annunciato il segretario generale. Infatti, ora c’è una lotta per la coalizione tra chi sostiene il ritorno della federazione RUSSA in PACE e chi contro questo» – ha detto Кулеба.

Jagland, in un’intervista al Financial Times, che ha lasciato ieri, ha detto che il Consiglio Europeo esamina la domanda di annullamento delle sanzioni nei confronti della federazione RUSSA, sovrapposti a causa di aggressione contro l’Ucraina. Egli ha espresso il timore che a causa di limitazioni Russia può uscire dal Consiglio d’Europa, che avrà un impatto sulla protezione dei diritti umani nel paese.

La russia è stata privata del diritto di voto PARLAMENTARE nel mese di aprile 2014 – subito dopo l’annessione della Crimea e l’inizio delle operazioni militari nel Donbass. 28 gennaio 2015 PACE ha adottato una risoluzione in cui ha esteso le sanzioni contro la Russia e ha il suo diritto di voto fino ad aprile.

In segno di protesta, una delegazione della federazione RUSSA ha detto che sospende i contatti con la PACE.

Entro il 2016 e passati nove mesi del 2017 la delegazione della federazione RUSSA non ha partecipato all’assemblea.

Nel mese di settembre, il vice speaker della Duma di stato della federazione RUSSA Pietro Tolstoj ha detto che la Russia non finanziare PACE nel 2018.

11 ottobre di PACE ha adottato una risoluzione 2186, in cui si afferma la necessità di armonizzare le regole di partecipazione e di rappresentanza dei paesi membri in entrambi gli organi statutari consiglio di PACE e il comitato dei ministri. Questa risoluzione può aiutare a riportare in aula la delegazione russa. Quasi tutti gli emendamenti proposti la delegazione ucraina, sono stati respinti.

20 ottobre Jagland, è arrivato a Mosca, dove, durante un incontro con il ministro degli esteri RUSSO Sergei Lavrov ha discusso di questioni partecipazione della Russia nel lavoro di tutti gli organi del Consiglio d’Europa.




Кулеба: la Nostra delegazione può accettare il ritorno dei russi in PACE, ma di trasformare il loro soggiorno in un inferno sulla terra 27.11.2017

0
Ноябрь 27th, 2017 by