La corte d’appello di Kiev ha annullato il sequestro di beni immobili Насалика

Il 19 settembre la corte d’Appello di Kiev ha annullato la sentenza della corte distrettuale Grotte di Kiev dal 26 luglio l’arresto di un appartamento e una casa di abitazione, riferito alla decisione della corte, pubblicato nel registro dello stato Unificato delle decisioni giudiziarie.

Il collegio dei giudici ha ritenuto che il sequestro è stato prematuro, pertanto, la decisione può essere annullata.

L’agenzia «Ucraino», scrive che si tratta di proprietà ministro dell’energia e dell’industria del carbone Igor Насалика.

Alloggio tribunale il 26 luglio ha arrestato il suo appartamento e la casa fino al 26 luglio 2020, su richiesta del presidente del club di calcio «Carpazi» Pietro Dyminskogo in un quadro di azione legale per il recupero crediti derivanti dal contratto di prestito.

L’importo del debito nella decisione della corte non è specificato. L’edizione online del «Anticor» ha riferito, citando fonti, che ancora nel 2014 Насалик ha preso $3,3 milioni.

Il 21 agosto il ministro ha presentato ricorso contro l’arresto di sua proprietà.

L’esame è infatti fissata per il 3 ottobre.

Насалик dichiarato per l’anno 2016 1,2 milioni di uah reddito, e anche $450 mila, €140 mila e 1,4 milioni di uah contanti. Per l’anno 2015, il ministro dell’energia ha dichiarato che $890 mila e €240 mila risparmio, ma anche una donazione di 1 milione di uah all’indirizzo di un Blocco di Pietro Poroshenko.




La corte d’appello di Kiev ha annullato il sequestro di beni immobili Насалика 28.09.2017

0
Сентябрь 28th, 2017 by