La corte d’appello ha rifiutato di prendere in arresto Alessandro Avakov

La corte d’appello di Kiev ha lasciato invariato la decisione Solomenskiy corte distrettuale di Kiev in materia di misure di restrizione degli «affari di zaini», figlio del capo del Ministero degli interni (MOI) dell’Ucraina, Arsen Avakov Alessandro, riferisce «Interfax-Ucraina».

Specializzata procuratore anti-corruzione ha chiesto la detenzione in carcere Avakov con l’alternativa cauzione di 5 milioni di uah, tuttavia, la corte d’Appello ha detto no a reclamo.

31 ottobre NABU ha condotto ricerche nel luogo di residenza degli imputati in un procedimento penale di abusi durante l’acquisto dal Ministero degli interni zaini per la guardia nazionale.

Dopo le perquisizioni NABU ha ritardato figlio Avakov, ex vice ministro del MINISTERO dell’interno essa, secondo il governatore, ma anche rappresentante di una ditta che ha vinto la gara per la fornitura di zaini, Volodymyr Lytvyn. A loro è accusato di appropriazione indebita per un importo di 14 milioni di uah nel 2015.

1 novembre Solomensky corte distrettuale di Kiev ha nominato Alessandro Avakov una misura di restrizione in forma di impegno individuale. Il sospetto stata condannata a consegnare passaporti e indossare il braccialetto elettronico. La stessa misura di prevenzione, la corte ha scelto Чеботарю e Lytvyn.

7 novembre Alexander Avakov ha detto che su di lui hanno messo il braccialetto elettronico. 8 novembre, la corte ha arrestato proprietà del figlio del ministro.

Alessandro Avakov ritiene «un caso di zaini» un tentativo di pressione politica a suo padre.




La corte d’appello ha rifiutato di prendere in arresto Alessandro Avakov 14.11.2017

0
Ноябрь 14th, 2017 by