L’arcivescovo UOC-KP Zorya sul disegno di legge sulla lettura in Parlamento «Padre nostro»: Fino a quando vedo, come nella società ridicolizzando iniziativa dei deputati

Presentato alla Verkhovna Rada un disegno di legge sulla lettura della preghiera del «Padre nostro» prima dell’apertura di ogni sessione plenaria sarà impossibile mettere in pratica. Questa opinione in un commento pubblicazione di «GORDON» ha condiviso l’arcivescovo della chiesa ortodossa Ucraina del patriarcato di Kiev Eustrazio Zorya.

«Ogni deputato ha il diritto di iniziativa legislativa. E non possiamo fare è vietare. Considerando che in Parlamento non ci sono solo cristiani, ma anche i rappresentanti di altre religioni e non credenti la gente, in generale è difficile immaginare come, in pratica, sarà possibile realizzare questa proposta. Fino a quando vedo, come nella società ridicolizzando iniziativa dei deputati. La laicità dello stato è la sua neutralità in termini di atteggiamento verso la base filosofica diversi punti di vista» – ha detto la fonte.

Secondo lui, i rappresentanti del popolo-i cristiani non devono imporre agli altri parlamentari le sue opinioni religiose.

«Se quei rappresentanti del popolo a pregare, altri no, questo è normale. Ma come può una legge per obbligare a pregare tutti? Se una persona non credente o professa un’altra religione, la legge non può costringerlo a rivolgersi a Dio in un modo che per lui è un estraneo. La legge non può obbligare una persona a credere in qualcosa in cui non crede. Vogliono i deputati pregare? Hanno tutto il diritto. Se i rappresentanti del popolo-i cristiani vogliono recitare il «Padre nostro», di pregare. Ma costringere gli altri deputati a fare questo non è possibile. È necessario attenersi alle norme di democrazia», – ha sottolineato Zorya.

13 luglio in Parlamento è stato presentato il disegno di legge n. 6722 sulla lettura della preghiera del «Padre nostro» prima di aprire sessioni plenarie. Mentre il testo e i documenti di accompagnamento al progetto sul sito del parlamento ucraino danneggiati.




L’arcivescovo UOC-KP Zorya sul disegno di legge sulla lettura in Parlamento «Padre nostro»: Fino a quando vedo, come nella società ridicolizzando iniziativa dei deputati 15.07.2017

0
Июль 15th, 2017 by