Latynina: Il Cremlino non si rendono conto che alla Russia ora negli stati UNITI lo stesso atteggiamento, come per i musulmani dopo l ‘ 11 settembre

Qualsiasi imprenditore russo, che 20 anni fa partì per la Russia, è ora negli stati UNITI l’oggetto stretta di verifica. In diretta radio «Eco di Mosca», ha detto russo pubblicista Yulia Latynina.

«E’ necessaria, legittima, naturale conseguenza di quella politica, che porta la Russia. E sono al Cremlino, a quanto pare, non si rendono conto che hanno ancora fatto. Sono ancora хорохорятся, che ancora ci raccontano ogni business as usual, si che ci sono… le Olimpiadi, di spread. Non capiscono che la Russia è ora negli stati UNITI… che a lei lo stesso atteggiamento, come per i musulmani dopo l ’11 settembre, e che ce lo siamo meritato», ha affermato.

Pubblicista ha sottolineato che il tentativo di intervenire nelle elezioni negli stati UNITI, la Russia ha commesso «informazione di massa, sistematica, a lungo durò un attacco terroristico».

«Gli americani e così nervosamente si riferiscono al tema delle relazioni tra bianchi e neri, per loro un argomento dolente. Quando scoprono che ci sono dei troll assunti da un governo straniero, cercando di pettinare, che lo stesso troll che cercano di separare il Texas… non È importante che il Texas non si stacca, non è importante che essi comiche assolutamente gli sforzi che questi troll internet – la metà di loro inglese non lo sa», ha detto lei.

Latynina ha spiegato che per gli stati UNITI non è valido il fatto di tentare di interferire.

«La nullità dei risultati non giustifica la malizia di azione. E non importa relativamente che questi atti di vandalismo sono stati condotti… Insignificanza cospiratori non giustifica la malizia loro azioni. Lei, in generale, anzi aggrava, purtroppo, perché nella vita contro un misero cospiratori più facile da combattere», – ha sintetizzato.

Nel mese di ottobre 2016 governo degli stati UNITI ha ufficialmente accusato la Russia in violazione dei server americani partiti, nonché di intervenire nel processo delle elezioni presidenziali nel paese. Al Cremlino queste accuse chiamato «nonsense».

Il 10 dicembre la CIA è giunto alla conclusione che la Russia è intervenuta in elezioni presidenziali negli stati UNITI con lo scopo di aiutare il candidato del partito Repubblicano Donald Trump conquistare il rappresentante del partito Democratico, Hillary Clinton. L’altoparlante del Cremlino Dmitry Peskov ha definito tali accuse «osceno».

In un rapporto pubblicato nel mese di gennaio 2017 rapporto dell’intelligence americana, afferma che il presidente della federazione RUSSA Vladimir Putin personalmente ordinato di lanciare una campagna per l’intervento in elezione degli stati UNITI.

Il servizio di sicurezza di Facebook 6 settembre 2017 ha riferito che ha bloccato 470 falso account e pagine, che nel periodo da giugno 2015 a maggio 2017 distribuito circa 3.000 messaggi pubblicitari. Questi obiettivi è stato speso 100 mila dollari, le pagine sono collegate tra loro e, probabilmente, администрировались dalla Russia.




Latynina: Il Cremlino non si rendono conto che alla Russia ora negli stati UNITI lo stesso atteggiamento, come per i musulmani dopo l ‘ 11 settembre 12.11.2017

0
Ноябрь 12th, 2017 by