L’esecutore di un attentato terroristico a Manhattan ha rifiutato di riconoscere la sua colpa

Originario dell’Uzbekistan, 29 anni, Сайфулло Саипов, che ha travolto le persone a Manhattan, ha rifiutato di dichiararsi colpevole di terrorismo e omicidi. Lo ha dichiarato il 28 novembre presso il tribunale di New York, ha riferito a Reuters.

Саипов ha risposto alle domande del giudice con l’aiuto di un interprete con uzbeko, scrive la CNN. Difensore d’ufficio Саипова David Patton ha rifiutato di commentare il caso dopo l’udienza.

La prossima riunione con la partecipazione di Саипова si terrà il 23 gennaio 2018.

Prima di questo, la giuria accusarlo di 22 punti. Per due di loro Саипову rischia la pena di morte.

31 ottobre furgone, che era alla guida Саипов, si è schiantato a ciclisti e pedoni a Manhattan. La morte di otto persone, di 12 feriti. In particolare, le vittime sono diventati cinque cittadini Argentina e il belga.

Le forze dell’ordine hanno arrestato l’aggressore. Aveva con sé sono stati пейнтбольное fucile e pistola paintball pistola.

Sulla scena del crimine l’attaccante ha lasciato un biglietto sul devozione dell’ISIS. A New York Саипов ha lavorato come autista di Uber. Emigrato negli stati UNITI nel 2010 grazie visto lotteria Green Card.

Il presidente degli stati UNITI, Donald Trump dopo l’attacco ha incaricato di intensificare i controlli degli immigrati alla frontiera.




L’esecutore di un attentato terroristico a Manhattan ha rifiutato di riconoscere la sua colpa 29.11.2017

0
Ноябрь 29th, 2017 by