L’ex capo di abitudine Makarenko: Per uscire dal carcere, mi hanno proposto di dichiarare che ho agito per il criminale direzione Tymoshenko. Li ho mandato

Nell’estate del 2010, dopo un certo tempo dopo l’arresto dell’ex capo della dogana ucraina Anatoly Makarenko, nella sua cella nel Carcere CARCERE è venuto un «intermediario» da un alto funzionario del regime di Viktor Yanukovich. «Intermediario», ha proposto di Makarenko la libertà in cambio della testimonianza contro l’ex primo ministro Yulia Tymoshenko.

In un’intervista rilasciata al «GORDON» ha affermato lo stesso Makarenko, che ha guidato l’abitudine nel 2009-2010 e 2014-2015.

«Mi ha portato in CARCERE Lukyanovskoe, in piccola fotocamera a due a quattro metri per «вышаков» – così in URSS chiamato condannati a morte. Quando l’abolizione della annullato, in questa cella tenuto «пыжиков» – condannati al carcere a vita. Perché proprio in questa fotocamera? Il momento psicologico – sopprimere. Prima che passi un po di tempo in questa cella, e dopo appare «buon amico» – il mediatore, che dice: mol, e così, andrà tutto bene, devo solo fare un accordo», – ha detto Makarenko.

Secondo lui, «l’affare» prevedeva 14 punti, tra cui le accuse contro Tymoshenko e il divieto di parlare con i giornalisti.

«Era il 14 posizioni, i principali dei quali, a dichiarare pubblicamente che ho agito per il criminale direzione Tymoshenko, e non secondo la legge, come era in realtà. Via da me richiesto non uscire con i giornalisti e non per parlare della realtà, non lasciare il paese, chiaramente, che devo parlare in tribunale, e così via. In generale, una dettagliata sequenza di azioni, quando sarei uscito di prigione», ha precisato Makarenko.

L’ex capo di abitudine rifiutato di rispondere alla domanda dei giornalisti se fosse un «intermediario» dall’allora presidente del servizio di sicurezza e business partner Dmitry Firtash Valery Khoroshkovsky. Makarenko ha sottolineato che «l’affare» non è andato.

«Da chi è venuto da intermediario, da Khoroshkovsky? Non lo dico io. In ogni caso io intermediario mandato diretto di testo. Le prime notti ha trascorso in carcere, non sapendo che cosa sta succedendo con la famiglia: né moglie, né figli, né avvocati a me non è permesso», – ha concluso Makarenko.

Nel corso della riunione per combattere il contrabbando, il presidente ha chiesto: «Chi partecipa a questa vergogna?» Ho risposto: «Tutti i partecipanti alla regata sono in sala». La versione completa dell’intervista con Anatoly Makarenko

Nell’estate del 2010, quando il presidente Viktor Yanukovich, Makarenko, arrestato con l’accusa di possesso illegale di sdoganamento 11 miliardi di metri cubi di gas naturale della società «Rue», di proprietà di un principe Dmitry Firtash. Lo sdoganamento si è svolta nel 2009, secondo il decreto del consiglio dei Ministri, guidato da Yulia Tymoshenko.

Makarenko ha trascorso in Carcere CARCERE un anno e 13 giorni. Nell’estate del 2012 l’ex capo di abitudine è stato condannato a quattro anni di reclusione.

3 marzo 2014, dopo la fuga di Yanukovich e la vittoria di Euromaidan, per decisione del tribunale distrettuale di Pechersk della città di Kiev Makarenko è stato sollevato dalla responsabilità penale e riconosciuto, i dati della polizia.

5 giugno 2014 Makarenko è stato nominato vice presidente del consiglio di Stato fiscale dell’Ucraina, ha curato la dogana direzione. È stato rimosso dal suo incarico dopo quasi 10 mesi, il 23 marzo 2015.




L’ex capo di abitudine Makarenko: Per uscire dal carcere, mi hanno proposto di dichiarare che ho agito per il criminale direzione Tymoshenko. Li ho mandato 13.07.2017

0
Июль 13th, 2017 by