Moskal ha detto che le forze dell’ordine vergogna di dire la verità sulla tragedia di Principe

Il governatore della regione Transcarpazia Gennady Moskal, che in precedenza lungo tempo ha lavorato al MINISTERO degli interni, ritiene che le autorità inquirenti e i dirigenti operazioni di detenzione ladri in Principe semplicemente in imbarazzo a dire la verità sull’accaduto.

«Perché i criminali hanno dato la possibilità di andare via? Hanno cambiato alcune macchine, altri, e quando i detenuti, rubati i soldi sono scomparsi. Se per strada la polizia sono scomparsi, se ancora dove, ma in qualche modo tutti tacciono», — ha detto Poroshenko in un’intervista a «Apostrophe».

Con questo, ha richiamato l’attenzione su una cosa: «Quando è arrivata la protezione dello stato, hanno anche preso l’alcol e tutto ciò che era in casa, e quando è arrivata la polizia, uno di loro ha fatto un colpo di avvertimento per avvisare i suoi».

«Quello che dico, il 99% di verità — forse solo alcune sfumature mi sono perso. Poi è già iniziata disordinata di lotta, che ha provocato vittime. Beh, chi ti dirà che è riconosciuto che siamo arrivati a questo? Il denaro perso, i dipendenti sono morti, i ladri hanno perso. Loro già preso, quando è scoppiato lo scandalo», dice Mx.

Quando il capo dell’amministrazione regionale Transcarpazia ha sottolineato: «Nessuno vuole ammettere, come era in realtà. Io una volta ha detto che non poteva questo tiro iniziare dal niente. La mia opinione è che chi arrestato, appena coperto, e nessuno aveva intenzione di loro ritardo».

Ricordiamo, il procuratore generale Yuri Lutsenko ha detto in precedenza che il Principe il primo ha aperto il fuoco a un dipendente della guardia nazionale.




Moskal ha detto che le forze dell’ordine vergogna di dire la verità sulla tragedia di Principe 31.01.2017

0
Январь 31st, 2017 by