Paruby, insieme con il vice del popolo si è rivolto con una lettera aperta ai parlamenti del mondo per quanto riguarda la situazione in Avdiivka

Il presidente della Verkhovna Rada dell’Ucraina Andriy Paruby e un gruppo di deputati del popolo dell’Ucraina si sono rivolti con una lettera aperta ai parlamenti dei paesi membri dell’Unione Europea, stati UNITI, Canada, Giappone e al Parlamento Europeo, con la richiesta di invitare la Russia a fermare il deterioramento della situazione in Transcarpazia.

«A causa del peggioramento della situazione in Transcarpazia e i continui tentativi delle forze di occupazione russa di distribuire un attacco a Авдеевку io, insieme con Anna L’, Irina Gerashchenko, Maria Ionica, Igor Грынивым, Maxim Бурбаком si sono rivolti con una lettera aperta ai parlamentari di tutto il mondo libero», ha scritto sulla sua pagina Facebook martedì, 31 gennaio 2017.

La lettera è indirizzata ai parlamenti dei paesi membri dell’unione Europea, stati UNITI, Canada e Giappone e al Parlamento Europeo.

«Saremo grati se guida i parlamenti pubblicamente invocherà il governo russo a una rigorosa esecuzione di tutti gli obblighi internazionali e cessazione cosciente di aggravamento della situazione di sicurezza e la situazione umanitaria nel Donbass», — cita Paruby una lettera aperta.

Il parlamento ucraino nella sua lettera afferma che la Russia non rinuncia a corso per l’escalation del conflitto in parte temporaneamente occupata di Polizia.

«Il 29 gennaio 2017, rompendo la modalità del silenzio, formazione di gruppi armati illegali hanno iniziato i bombardamenti delle forze Armate dell’Ucraina in una città Particolare. I bombardamenti avvengono tra cui vietate ha preso accordi non solo «Grandine», artiglieria calibro 152 mm, 122 mm, mortai 120 e 82 mm, carri armati, e anche delle armi di piccolo calibro. Entro due giorni dal russo di armi uccisi 8 soldati ucraini, altri 26 feriti. Tra le vittime anche due civili feriti durante un bombardamento di zone residenziali», si legge nella lettera.

I deputati, inoltre, prestare attenzione della comunità internazionale sulla critica la situazione umanitaria, che si è sviluppato nella Storia — a seguito di un bombardamento da parte russa sono stati danneggiati linee elettriche, ma anche una serie di infrastrutture vitali, che ha portato all’arresto di acqua e riscaldamento.

«In questi giorni la temperatura dell’aria Avdiivka è sceso sotto i -18 C. Nella notte del 31 gennaio 2017 in città è stato annunciato lo stato di emergenza. Il numero totale di individui, rimasti senza energia elettrica, acqua e calore supera i 22 mila persone. Già è iniziata l’evacuazione di Avdiivka i bambini e le persone con disabilità», — ha dichiarato in una lettera aperta.

I rappresentanti della Verkhovna Rada sottolineano che per risolvere la situazione in Avdiivka bisogno di avviare immediatamente la riparazione di oggetti danneggiati vitale infrastrutture, tuttavia, a causa di continui bombardamenti da parte di IAF i servizi pubblici non possono iniziare lavori di queste opere.

Deputati del popolo dell’Ucraina ritiene che la situazione in Avdiivka indica la necessità di aumentare la presenza di organizzazioni internazionali, garantendo il monitoraggio della situazione in Transcarpazia, e la distribuzione armata missione di polizia dell’OSCE in Ucraina.

«Un reato commesso russo-terroristiche truppe contro la popolazione civile in Avdiivka, ancora una volta ha dimostrato che solo il rafforzamento delle sanzioni contro la Federazione Russa e internazionale consolidare gli sforzi sono in grado di fermare l’escalation di eventi sul fronte», si legge nel testo del documento.

«Noi, deputati, rivolgiamo a voi con una richiesta di utilizzare tutti i meccanismi di governo e interparlamentare di diplomazia e di aumentare la pressione sulla funzionario del Cremlino», ha dichiarato in una lettera.

Come riportato, per la prima volta dopo tanto tempo, italo-terroristici truppe durante il recente bombardamento frontale Avdiivka applicato la «Grandine». A danneggiato quasi tutti i nodi di comunicazione. Non è esclusa l’evacuazione della popolazione.

Allo stesso tempo, ucraini militari sono riusciti a mantenere la sua posizione a sud della città e anche andato al contrattacco, finendo nuove posizioni, e hanno costretto i russi e i loro mercenari ritirarsi.




Paruby, insieme con il vice del popolo si è rivolto con una lettera aperta ai parlamenti del mondo per quanto riguarda la situazione in Avdiivka 01.02.2017

0
Февраль 1st, 2017 by