«Questa è la mia voce». Trump ha rifiutato di smettere di scrivere su Twitter

Il presidente americano Donald Trump, nonostante gli appelli di interrompere la sua attività sui social network, continuerà a pubblicare post su Twitter. Lo ha detto durante l’incontro con il giornalista di The New York Times Magazine Mark Лейбовичем.

«Questa è la mia voce», – ha detto Trump.

Il giornalista, a sua volta, ha sottolineato che a volte si trova tweet del presidente «più significative, di briefing della casa Bianca».

13 giugno, membro della Camera dei rappresentanti del Congresso degli stati UNITI il partito Democratico Mike Quigley ha registrato il progetto di legge, che prevede la conservazione di posti di Trump sui social network in archivio Nazionale.

Il 17 giugno il comando show satirico The Daily Show ha aperto a New York una raccolta di tweet del presidente degli stati UNITI.

Il 29 giugno il presidente degli stati UNITI colpito da una raffica di critiche dopo che ha nel suo Twitter ha chiamato Mika Brzezinski e Joe Scarborough, sono leader popolare di notizie programmi MSNBC. Prima il presidente, in particolare, ha definito «pazzo», e la seconda – «psicopatico».

Il 30 giugno il giornale americano New York Post ha pubblicato un articolo, pubblicato sotto il titolo «Su «tweet» Trump». Il testo si compone di tre parole e dice: «Fermati. Semplicemente fermati».




«Questa è la mia voce». Trump ha rifiutato di smettere di scrivere su Twitter 12.07.2017

0
Июль 12th, 2017 by