«Una decisione fondamentale – non sparare bandiera». Consolato generale della federazione RUSSA a Seattle ha terminato il lavoro

Consolato generale della Russia a Seattle (stato di Washington) ha terminato il suo lavoro su richiesta delle autorità statunitensi. Lo ha detto l’ambasciatore Russo negli stati UNITI, Anatoly Antonov, ha riferito l’agenzia «Interfax».

Secondo lui, il consolato generale ha fermato la sua attività il 30 marzo alle ore 17.00 ora locale (le 3.00 a Kiev). L’ambasciatore russo ha precisato che i diplomatici possono rimanere a Seattle fino al 25 aprile, perché la questione «sulla riduzione o esclusione» non ha messo nessuno.

Anche Antonov ha parlato di «linea di principio decisione di non ritirare la bandiera con la residenza del console generale». Egli ha sottolineato che la RUSSIA «lascia sulla coscienza, onestà colleghi americani».

Il 26 marzo il presidente degli stati UNITI, Donald Trump ha dato indicazione di espellere dal paese di 60 diplomatici russi e chiudere fino al 2 aprile il consolato Generale della federazione RUSSA a Seattle per la sua vicinanza alla base della MARINA degli stati UNITI.

Così Uniti hanno espresso sostegno per il regno unito a causa di avvelenamento a Salisbury ex-scout Sergei Skripal e di sua figlia. L’inchiesta ha rivelato che durante l’attentato è stato utilizzato sviluppato in Russia nervino agente «Principiante».

Oltre a stati UNITI, diplomatici russi già deportato circa 30 paesi.

Il 29 marzo il ministro degli esteri della federazione RUSSA Serghej Lavrov ha annunciato l’espulsione 60, i diplomatici americani e la chiusura del consolato degli stati UNITI a San Pietroburgo.

Il 30 marzo, le autorità russe hanno dichiarato persona non grata diplomatici altri 23 paesi.




«Una decisione fondamentale – non sparare bandiera». Consolato generale della federazione RUSSA a Seattle ha terminato il lavoro 31.03.2018

0
Март 31st, 2018 by