Ващиковский sull’elenco degli ucraini, cui è negato l’ingresso in Polonia: È troppo breve

La polonia non sarà rivelato i nomi degli ucraini, a cui è negato l’ingresso nel paese, tuttavia, ritiene questo elenco è troppo corta. In un’intervista Dziennik Gazeta Prawna, ha detto il ministro degli esteri Polacco Witold Ващиковский, rispondendo a una domanda di vietare l’ingresso in Polonia capitolo Ucraino istituto della memoria nazionale, Vladimir Вятровичу.

Il ministro degli esteri Polacco ha osservato che il divieto non viola le normative europee, e il divieto di ingresso può riguardare persone che promuovono la «profondamente антигуманитарные, антиевропейские valori».

Egli ha aggiunto che la Polonia non rivelerà il numero è diventato persona non grata ucraini, ma anche la sfera della loro attività.

«L’elenco è troppo breve, che testimonia il nostro lontano corrente comprensione di punti di vista di parte ucraina, la determinazione nella ricerca di percorsi di progresso in reciproco rapporto e una certa riluttanza a un’ulteriore escalation», – ha sottolineato Ващиковский.

Egli ha aggiunto che le prospettive per la prevista visita del presidente Polacco Andrzej Duda a Kharkov dipenderà dalla «volontà di parte ucraina di prendere in considerazione le nostre proposte costruttive».

Nel mese di ottobre 2016 polacco Dieta e la Verkhovna Rada dell’Ucraina ha adottato una Dichiarazione congiunta di memoria e di solidarietà, che dovrebbe porre fine storiche di lavoro. Nonostante questo, l’questione rimane una fonte di tensione tra i due paesi.

2 novembre 2017 Ващиковский ha detto che la Polonia intende avviare la procedura, che non permette di entrare nel paese ucraini, mostra антипольские punti di vista. «Le persone che con aria di sfida indossano uniformi delle SS «Galizia», in Polonia non arriveranno», ha detto. Agenzia art criticato le parole di Ващиковского, affermando che i politici polacchi da demonizzare gli ucraini stanno cercando di ottenere i dividendi politici.

Il ministero degli esteri dell’Ucraina ritiene che, «nonostante la differenza nelle stime complesso storico del passato», in paese non c’è антипольских stati d’animo.

8 novembre si è appreso che il presidente dell’Ucraina Poroshenko ha avviato lo svolgimento di una riunione di emergenza del comitato di consultazione dei presidenti di Ucraina e Polonia, con l’obiettivo di evitare un’ulteriore escalation delle tensioni tra i due paesi.

Sul fatto che l’agenzia art ottenuto in una lista di indesiderati per l’ingresso in Polonia persone, ha riferito il 9 novembre, con riferimento alle proprie origini sito Dziennik.pl. Lista presumibilmente non sarà pubblicato, per i suoi aiutanti hanno riconosciuto sul divieto già sul confine.




Ващиковский sull’elenco degli ucraini, cui è negato l’ingresso in Polonia: È troppo breve 13.11.2017

0
Ноябрь 13th, 2017 by